Roberto Battestini

GRAPHIC NOVEL: LA VITA A FUMETTI

GRAPHIC NOVEL: LA VITA A FUMETTI

«GRAPHIC NOVEL»: LA VITA A FUMETTI

«Graphic novel»: la vita a fumetti

di Claudio Zonta S.I.

(estratto)

L’espressione Graphic Novel non è semplicemente un modo più elaborato e moderno per denominare la categoria di fumetto, come possiamo osservare dalle molteplici e differenti descrizioni che incontriamo nelle riviste e pagine web specializzate. La definizione, infatti, non è sempre univoca, forse per il fatto che il cosiddetto «fumetto» è stato sempre considerato per un pubblico fanciullesco o adolescenziale, e soltanto negli ultimi tempi è in atto una riflessione su di esso.

Il termine fu utilizzato per la prima volta nel 1964 dal critico ed editore americano Richard Kyle nell’articolo «The future of “co-

mics”», pubblicato nel secondo numero della rivista Wonderworld. In questo articolo egli mostrava come una certa corrente fumettistica stesse prendendo una strada indipendente rispetto al più classico comics, rivolto a un pubblico prevalentemente giovane e con un’idea di intrattenimento.

Il termine Graphic Novel è stato successivamente ripreso e approfondito da Will Eisner (Brooklyn, 1917 – Lauderdale Lakes, 2005), il quale nel suo saggio Il fumetto come arte sequenziale ne dà una definizione più specifica: «una forma artistica e letteraria che si basa sul “mettere insieme” disegni – o immagini – e parole per narrare una storia o rendere in forma drammatica un concetto». Nel 1978 Eisner pubblica A Contract with God, opera che verrà definita come Graphic Novel, e che avrà come elemento fondante una storia drammatica complessa. L’autore stesso afferma: «Attualmente non cerco di esplorare i mezzi espressivi del fumetto, che viceversa

 

 

sacrifico a favore della storia, della narrazione». I suoi Graphic Novel prendono avvio dalla propria identità di ebreo che si sforza di combattere l’antisemitismo e le discriminazioni razzia-

li, come mostra anche la sua ultima celebre opera, Fagin The Jew (2003), una risposta agli stereotipi e ai pregiudizi sul popolo ebreo contenuti nelle illustrazioni originali dell’opera letteraria Oliver Twist di Charles Dickens. È del 1992 la consacrazione ufficiale del Graphic Novel come ge-nere letterario appartenente al mondo della letteratura, ossia quando

l’opera a fumetti di Art Spiegelman, intitolata Maus, che è ambien-tata durante la Seconda guerra

mondiale e ha come tema l’Olocausto, vince il Premio Pulitzer. (…)

Nel romanzo – racconta Roberto Battestini – faccio un parallelo tra il sangue dei miei fratelli, che mi ha aiutato ad aprire gli occhi sulla croce, e il sangue versato da Gesù, che ci ha redenti»8. La storia è raccontata attraverso un «cromanzo», come l’autore stesso defini-sce il suo procedere per immagini e colori: «Ho cercato di rendere, attraverso il racconto cromatico, sia un periodo storico che gli stati d’animo. Così, il colore diventa un mezzo per spaziare dentro l’animo dei protagonisti». (…)

Lascia un commento